Gli editoriali degli Istituti Alberghieri. Per il contributo dall’ISIS G. Di Vittorio ringraziamo il prof. Fulvio Papagallo e la dirigente scolastica Vincenza La Rosa.

L’anno scolastico appena trascorso è stato caratterizzato da un evento imprevedibile e unico: parliamo del Covid-19, un termine ormai entrato appieno nel nostro linguaggio quotidiano ma sconosciuto fino a qualche mese fa.

L’aumento repentino dei contagi ha portato lo Stato italiano ad una scelta drammatica dal punto di vista sociale, cioè alla chiusura delle scuole. Il luogo deputato al sapere e alla formazione chiude per salvaguardare la salute pubblica. Gli istituti scolastici si sono trovati di colpo davanti ad un problema enorme:  garantire la didattica, garantire il diritto allo studio ma senza poter riempire le aule.

Anche il nostro Istituto si è dovuto confrontare con questa situazione. E fronteggiare i grandi cambiamenti che ha inevitabilmente e irreversibilmente prodotto.

Il dirigente scolastico Vincenza La Rosa insieme al suo staff e a tutti i docenti  ha lavorato da subito per garantire immediatamente la tanto discussa ma necessaria didattica a distanza. La scuola si è subito prodigata nella consegna dei device necessari a garantire a tutti gli alunni il diritto allo studio.  Anche i docenti hanno dovuto fare i conti con questa tipologia didattica, rimodulando e modellando le lezioni per la didattica a distanza.

La risposta è stata molto positiva, gli alunni hanno partecipato attivamente seguendo le linee guida della scuola. “E’ stato un momento difficile per la scuola italiana sottoposta a una situazione nuova, ma grazie alla collaborazione di tutti siamo riusciti a garantire il diritto allo studio senza abbandonare nessuno a se stesso; la scuola è stata presente monitorando le criticità e trovando soluzioni efficaci e puntuali”, così la dirigente scolastica Vincenza La Rosa riassume il periodo di didattica a distanza.

Il rientro è stato preceduto da un’impegnativa fase di preparazione per garantire il distanziamento sociale e un’adeguata organizzazione degli spazi. Ogni aula è stata rimodulata per essere in linea con le indicazioni del Comitato Tecnico Scientifico. La dirigente scolastica sul rientro a scuola: “E’ stato un lavoro durissimo, la riapertura era un momento importante per dare un segnale di ripresa al paese e quindi serviva un impegno continuo e certosino affinché tutto fosse organizzato minuziosamente. Fortunatamente grazie alla dedizione di tutti siamo riusciti ad assicurare una ripartenza serena”.

L’ISIS “Giuseppe Di Vittorio” gestisce due sedi e più di mille alunni, una struttura complessa ma che con l’aiuto di tutto il  personale scolastico giornalmente lavora per garantire la salute e il diritto allo studio