Il Terre Aurunche DOP è un olio extravergine di oliva ottenuto dai frutti dell’olivo della varietà autoctona Sessana, per non meno del 70%, e Corniola, Itrana e Tonacella, da sole o congiuntamente, per non meno del 30%.

Metodo di produzione
La raccolta delle olive, da concludersi entro il 31 dicembre di ogni anno, può avvenire sia manualmente che attraverso l’ausilio di mezzi meccanici. In attesa della molitura, che deve avvenire entro il secondo giorno dalla raccolta, le olive vengono stoccate all’interno di cassette riposte in locali freschi ed arieggiati, al riparo da agenti atmosferici come acqua e vento. La gramolazione della pasta delle olive non può superare i 40 minuti e i 27°C. Il prodotto viene conservato in locali poco illuminati e asciutti all’interno di fusti di acciaio inox a chiusura ermetica.

Aspetto e sapore
L’olio extravergine di oliva Terre Aurunche DOP presenta colore dal giallo paglierino al verde più o meno intenso. Fruttato di intensità medio-alta, presenta un buon tono di amaro e piccante, con tipiche note di carciofo e sentori mandorlati dolci.

Zona di produzione
La zona di produzione dell’olio extravergine di oliva Terre Aurunche DOP comprende l’intero territorio amministrativo di 18 comuni della Provincia di Caserta, nella regione Campania.

Storia
Nel manoscritto Territori et Oliveti A.G.P., probabilmente redatto da qualche amministrazione ecclesiastica, , sono stati rinvenuti i movimenti legati al possesso dei vari terreni agrari a partire dal 1680. L’importanza degli oliveti si evince dalla classificazione presente nel manoscritto, in cui i terreni destinati alla coltivazione dell’olivo costituiscono una categoria indipendente rispetto a tutte le altre tipologie di coltivazioni. Nella zona, la pianta dell’olivo era talmente importante, dal punto di vista del sostentamento economico, che la sua tradizionale coltivazione era di tipo famigliare, costituendo spesso l’unico indice di ricchezza o povertà.

Gastronomia
L’olio extravergine di oliva è un alimento facilmente deperibile che necessita di una corretta conservazione per mantenerne intatte le caratteristiche organolettiche. è opportuno conservarlo in ambienti freschi e al riparo da luce e da fonti dirette di calore. Se ne consiglia il consumo entro i sei mesi dalla spremitura, per apprezzarne il gusto nel periodo di massima espressione del prodotto e per sfruttarne l’enorme ricchezza in sostanze polifenoliche. L’odore fruttato e il sapore perfettamente equilibrato tra amaro e piccante fanno del Terre Aurunche DOP un prodotto ideale da abbinare con molti piatti della tradizione regionale italiana. è noto, infatti, come nei matrimoni tra gente di campagna, la dote della sposa fosse spesso valutata sulla base della staia di olio data in dono alla famiglia del futuro sposo.

Commercializzazione
Il prodotto è immesso in commercio nella tipologia olio extravergine di oliva Terre Aurunche DOP. È disponibile all’interno di recipienti in terracotta smaltata, vetro o banda stagnata di capacità non superiore a 5 l, oppure in confezioni monodose. Le etichette del prodotto già confezionato devono obbligatoriamente riportare l’annata di produzione.

Nota distintiva
Il Terre Aurunche DOP è un olio estremamente rappresentativo del territorio per l’utilizzo di cultivar autoctone; si contraddistingue inoltre per un buon contenuto di polifenoli e per un livello di acidità massimo più basso rispetto agli altri oli extravergini.

Translate »